Reliable power for a sustainable world

23 ottobre 2015
Fincantieri sceglie ancora le soluzioni RIELLO UPS, leader italiano del settore, per assicurare continuità e qualità dell’energia sulle grandi navi da crociera

Nuovo accordo, appena siglato, tra Riello UPS, brand del gruppo Riello Elettronica, leader italiano nella produzione di gruppi statici di continuità, tra le prime quattro aziende al mondo del settore, e Fincantieri, uno dei più importanti complessi cantieristici al mondo, attivo nella progettazione e costruzione di mezzi navali a elevata complessità e alto valore aggiunto, leader mondiale nella costruzione di navi da crociera e operatore di riferimento in altri settori, dalle navi militari ai cruise-ferry, dai mega-yacht alle navi speciali ad alto valore aggiunto, dalle riparazioni e trasformazioni navali all’offshore.

L’accordo prevede la fornitura, per i prossimi 5 anni, di gruppi di continuità (UPS), raddrizzatori e carica batterie con cui Fincantieri allestirà la parte elettrica di alcune sue navi. L’operazione è di grande importanza sia dal punto di vista tecnologico che economico, perché vede impegnate insieme due eccellenze italiane. Ricordiamo infatti che negli stabilimenti del gruppo Fincantieri sono in costruzione o in fase di prossima realizzazione diverse unità navali e che solo nel 2016 verranno ultimate due grandi navi da crociera, per Carnival e MSC, che saranno equipaggiate con i sistemi Riello UPS.

Le apparecchiature Riello UPS fornite a Fincantieri sono ottimizzate per soddisfare qualsiasi esigenza di alimentazione di potenza a bordo di una nave. Tecnicamente, si tratta di UPS con uscita monofase o trifase a partire da 5 kVA sino a 330 kVA con fattore di potenza (cosfi) pari a 1, tutti corredati di distribuzione per le partenze dei carichi ausiliari sia in alternata che in continua.

Quanto ai carica batterie, con uscita singola o con doppio ramo per l’alimentazione dei carichi e ricarica delle batterie stazionarie, rappresentano la fonte primaria di alimentazione di tutte le utenze privilegiate e di sicurezza della nave. In questo caso, le sinergie tecniche di Riello UPS, che oltre agli UPS produce anche apparati per impianti fotovoltaici, hanno permesso di realizzare sistemi autoalimentati che immagazzinano l’energia prodotta dai pannelli solari in accumulatori e parallelamente alimentano le utenze dedicate.

Infine, relativamente alla componentistica, va sottolineato che oltre all’accurata selezione dei componenti elettrici ed elettronici, vengono utilizzati particolari armadi omologati per impiego navale, resistenti alle vibrazioni e alle sollecitazioni meccaniche.

La collaborazione con Fincantieri ha una lunga storia: i primi accordi furono firmati nel 1995 con Converex, successivamente acquisita da RPS che ha continuato con successo questa partnership con il brand Riello UPS, ed è per noi un grande motivo di orgoglio l’aver oggi superato il traguardo delle 50 unità navali prodotte da Fincantieri ed equipaggiate con le soluzioni Riello UPS” ha dichiarato Fabio Passuello, direttore generale di RPS.

La nautica, ed in particolare la navalmeccanica ha esigenze e specificità totalmente proprie. Una grande nave ha più o meno le stesse esigenze di una città ma deve poter essere autosufficiente per periodi di tempo anche molto lunghi e tutte le nostre soluzioni devono pertanto adottare tecnologie specifiche per l’ambiente navale, uno dei più complessi al mondo, ed essere capaci di assicurare la totale autonomia, la continuità e l’affidabilità energetica in modo assoluto, in qualsiasi condizione. Il nostro reparto R&D, in questo ambito, ha mostrato ancora una volta la sua eccellenza, che Fincantieri ha riconosciuto siglando con noi questo accordo” ha aggiunto Alberto Raimondi, funzionario commerciale di RPS.